Docente del corso dimostrativo in Scuola di cucina Il Menù di Pesce, dedicato al pesce azzurro.
Svoltosi martedì 20 maggio 2008 

E’ stato preparato un menu completo, per sperimentare la straordinaria versatilità di questo alimento fresco: Sgombro marinato al sale profumato all’arancia e aceto balsamico – Nasello fritto su crema di melanzane e marmellata di cipolla – Sardoncini ripieni – Spighetta marinata allo zenzero – Tortino di pane con alici e formaggio fuso. Al termine, i piatti preparati sono stati degustati dai corsisti in abbinamento con vini del territorio.
Costo del corso 50 euro, circa 15 partecipanti.
Intervento al convegno Mangiare è un atto agricolo, in occasione dell’assegnazione del Premio Artusi 2008 a Wendell Berry, sul tema della ristorazione a km 0.
Svoltosi sabato 28 giugno 2008

Il convegno ha raccolto una serie di Testimonianze nazionali ed internazionali sul tema dell’economia alimentare sostenibile, e le ragioni per un rapporto diretto fra produttori locali e consumatori. Oltre all’intervento telefonico di Wendell Berry, hanno partecipato rappresentanti del Mercatale di Montevarchi, dell’Associazione Slow Food, della Fondazione Slow Food per la Biodiversità, dei London Farmers’ Markets, del Comune di Villeneuve Loubet, del Gruppo di Acquisto Solidale di Forlì, di Coldiretti Emilia Romagna.
Intervento al convegno Non si Vive di Solo Pane: la ricerca del benessere nella cucina di casa. Un incontro rivolto in particolare ai medici ospedalieri, di medicina generale ed ai pediatri, quali soggetti fondamentali nella diffusione dei modelli della corretta alimentazione. Si parla dei pasti domestici e della necessità di elaborare piatti che mettano insieme gusto, tradizione ed apporto nutrizionale cioè, in un’unica parola “salute”. La dieta non è vista come sacrificio o rinuncia, ma come stile di vita per stare bene. Il seminario è stato organizzato da Casa Artusi, dall’AUSL di Forlì, con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna e della Provincia di Forlì-Cesena ed è stato coordinato da Gianluca Bagnara, Assessore alle Politiche Agro-Alimentari della Provincia Forlì-Cesena. Il seminario rientra nei crediti ECM cioè Educazione Continua dei Medici, il percorso formativo che ogni medico deve seguire annualmente nella propria attività professionale.
Svoltosi sabato 22 novembre 2008

Domenica 15 febbraio 2009

Realizzazione, in collaborazione con il Ristorante Casa Artusi, della cena a km 0 in onore di Wendell Berry, Premio Artusi 2008. Utilizzati prodotti provenienti dalla Romagna ed in particolare il pesce povero dell’Adriatico. Cena aperta al pubblico su prenotazione.
Svoltosi domenica 15 febbraio 2009

MENU

Tortino di pane su crema di lattuga, con sardocini fritti e marmellata di cipolla.

E’ la rivisitazione di uno dei piatti più comuni del porto di Cattolica: la piada con i sardoncini, l’insalata  e la cipolla. E’ una ricetta povera, fatta con il pane raffermo inumidito nel latte, messo in stampi monoporzione e ripassato in forno. La lattuga viene leggermente brasata e frullata diluendo il composto in un leggero brodo di verdura e versandola a specchio sul fondo del piatto. Si posiziona il tortino di pane, lo si guarnisce con la marmellata di cipolla rossa e si aggiungono i sardoncini fritti in olio extravergine d’oliva. E’ un piatto che amo molto: il contrasto tra il sapido del pesce e l’agrodolce della marmellata lo rendono, nella sua semplicità, veramente particolare.

Tagliolini di patate alle vongole

La semplicità del menu prosegue con un condimento classico del nostro mare: il sugo di vongole. La particolarità di questa ricetta sta nell’impasto dei tagliolini dove vengono aggiunte delle patate lessate che faranno in modo di renderli più pronti ad assorbire il sugo che verrà lasciato leggermente fluido proprio per far sì che durante il servizio possa essere assorbito in modo graduale. Il sugo non ha segreti: vongole poveracce fresche, aglio, peperoncino, pepe, un bicchiere di vino e …fuoco.

Arrosto di Mora Romagnola con purè di finocchio

La reale difficoltà di questa ricetta sarà non rovinare il sapore sontuoso di questa carne, così sapida, saporita e gustosa senza trucchi, senza aggiunte. Abbiamo scelto il taglio della coppa perché è già praticamente pronto, grasso al punto giusto solo da rosolare in forno e…aspettare. L’abbinamento con un purè leggermente aromatizzato dal profumo del finocchio rinfresca il piatto senza obbligarci a quelle esibizioni di cucina creativa che, nel contesto, mi parevano abbastanza sciocche.

Ciambella con crema, amarene di Cantiano e riduzione di Vino di Visciole

Ed eccoci alla fine del nostro pasto. In Romagna la ciambella è il dolce. Una crema leggera arricchita dalle Amarene di Cantiano (d’altronde abito a 14 metri lineari dalle Marche) e una riduzione del Vino di Visciole faranno da cornice alla preparazione semplice e fantastica che uova, farina e zucchero riescono a formare.

 

FESTA ARTUSIANA – OSTERIA SLOW FOOD
Realizzazione della cena, con incasso a beneficio della Fondazione Slow Food per la Biodiversità.
Svoltosi venerdì 27 giugno 2008

MENU

Pecorino delle fosse di Mondaino della Porta di sotto con la saba
Crostino con il lardo di mora romagnola del Consorzio Copaf di Brisighella
Mezzemaniche del Pastificio Mancini con salsiccia, piselli e scalogno di Romagna
Polpette di bovina romagnola con patate bianche di Galeata
Ciambella al farro della valle di Gemmano con crema all’antica